0

Calcio. Biografia choc di Casagrande, ex Toro e Ascoli, tra droghe, doping e gol

Pubblicato il 16 aprile 2013 da
Categorie : Pallone mon amour

casagrande-autobiografia-copertina

La vita spericolata del ‘Casao’ Walter Junior Casagrande nell’ennesima autobiografia choc che mostra il lato oscuro della pedata.

L’ex centravanti del Toro e dell’Ascoli, che oggi fa il commentatore sportivo per Rede Globo, una delle più importanti emittenti televisive brasiliane, ha messo nero su bianco il suo periodo da calciatore, cominciato con gli spinelli all’epoca del Corinthians e terminata con le roulette russe in Europa, quando una squadra in cui ha militato – il Casao non scrive quale – lo iniziò alla pratica del doping. Il suo libro ‘Casagrande e i suoi demoni’ farà scalpore, anche e soprattutto in Italia: è destinato a sferrare l’ennesimo colpo alla immagine del calcio. Un pugno allo stomaco perché il Casao parla di quel calcio – alla fine degli anni ’80 – che ancora doveva diventare ‘moderno’ e che oggi è diventato un simbolo di purezza. Ma, evidentemente, le cose non stanno proprio così dato che Casagrande si aggiunge al numero, spropositato, di ex calciatori che nelle loro biografie rivelano i raggelanti retroscena del mondo del calcio di quegli anni d’oro. O presunti tali.

Un ritratto dell’altra faccia della medaglia dorata del calcio che fu, quello tra gli anni ’80 e ’90 quando l’Ascoli poteva permettersi di ingaggiare un pezzo da novanta come Casagrande e in Italia gente come Claudio Caniggia, Pedro Troglio e Leo Junior trovavano posto in provincia, esportando sogni in ogni angolo del Belpaese pallonaro. Casagrande scese in B con l’Ascoli e portò, poi, il Torino a disputarsi la Coppa Uefa, nel 1992, contro l’Ajax di Luis Van Gaal. Era stato, anni prima con il Porto, campione d’Europa.

Però, Casagrande, aveva dei demoni contro i quali combatteva: si drogava, all’inizio qualche spinello poi finirà nelle grinfie di cocaina ed eroina mentre i medici di una non meglio specificata squadra europea lo iniziano alla via del doping. Ovviamente non manca l’alcol, fiumi di tequila e gli eccessi della roulette russa.

http://www.youtube.com/watch?v=cfdjhoA6iYI

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>