0

L’analisi. L’Italia politica (nel caos) delle meraviglie. Ecco perché ha ragione Crozza

Pubblicato il 9 aprile 2013 da Francesco Curridori
Categorie : Politica

MaurizioCrozza BersaniItalia, il Paese delle meraviglie. Alla fine ha ragione Crozza, viviamo nel Paese delle meraviglie dove tutto è possibile. È possibile che dopo oltre 40 giorni l’Italia non abbia ancora un governo e che il Presidente della Repubblica in carica mantenga in vita un governo tecnico, guidato da un Mario Monti che tecnico non è più (e che come politico ha fatto flop) in attesa che Pd e Pdl formino un governo di “larghe intese”. Senza considerare il fatto che, secondo le intenzioni di Napolitano, dieci saggi dovrebbero, in meno di dieci giorni, trovare un’intesa su riforme economiche, istituzionali e sulla legge elettorale. Ma com’è plausibile che in meno di dieci giorni si trovino degli accordi che si cercano dall’inizio della nascita del governo Monti e che finora non sono stati trovati?

Ecco i motivi per i quali ora il Pd è pronto a sfaldarsi con Bersani in difficoltà, Renzi che scalpita e Barca che si fa avanti. Bersani, il premier pre-incaricato, sembrava essersi arreso e su Repubblica si era persino detto disponibile a farsi da parte ma nell’intervista di ad Agorà è parso come il giapponese che pensa di essere ancora in guerra. Nemmeno le aperture di Franceschini e Speranza al centrodestra e i timori di Veltroni di vedere il Pd sfaldarsi tra le divisioni interne l’hanno convinto che è ora di passare la mano. A tutti, persino al ministro Barca (che non è nemmeno iscritto al partito), ma non al sindaco Renzi che scalpita perché si vada alle urne. Roba da paese delle meraviglie.

Bersani sa che un governissimo favorirebbe ancor di più l’ascesa del Movimento 5 stelle e rischierebbe di spaccare il partito ma permetterebbe di allontanare lo spettro di Renzi perché stavolta l’ala bersaniana, anche se capitanata da Barca, rischia di affondare. Berlusconi l’ha ripetuto più volte: «Con Renzi in campo non mi sarei ripresentato» e perciò spinge verso il governo di larghe intese. Intese che, come già spiegato, saranno difficilmente raggiungibili anche perché i grillini sono sempre intenzionati a votare per l’ineleggibilità di Berlusconi e a quel punto sarebbe difficile spiegare all’elettorato democratico un voto contrario… Va però sottilineato che i grillini sono il can che abbaia ma non morde. Dal giorno delle elezioni ad oggi hanno presentato un solo disegno di legge riguardante i matrimoni omossessuali e nulla sull’anticasta. Ah però hanno annunciato di voler occupare il Parlamento perché non si sono ancora formate le commissioni. Insomma, anche per i grillini le poltrone contano più della riduzione degli sprechi della casta. Roba da Paese delle meraviglie, appunto…Chapeau a Crozza…

Di Francesco Curridori

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>