0

Il punto (di M.De Angelis). L’ipocrisia dell’Occidente e le nuove ondate migratorie

Pubblicato il 8 Settembre 2015 da Marcello De Angelis
Categorie : Cronache Politica

immigrazione_sbarchi1R439_thumb400x275E ci siamo ricascati – tutti – di nuovo. E purtroppo, molti, consapevolmente e quindi diventando complici. Un altro evento eclatante è stato programmato e realizzato e con un attento – anche se per nulla innovativo – uso della comunicazione, la nostra attenzione è stata spostata dalla causa all’effetto e ora l’agenda politica e giornalistica ci “obbliga” a scegliere tra due posizioni, entrambi ininfluenti sulle cause originarie, che ci spingono a sprecare tutte le nostre energie, la voce, l’inchiostro e il tempo, a scagliarci contro un lato o l’altro di un muro di gomma.

Ops! Scusate. Sono venuto meno alla regola principale del giornalismo e cioè quella di enunciare nelle prime cinque righe il “cosa, come e quando” di cui dovevo parlare. Ma non l’ho fatto per errore. L’omissione è voluta, perché la considerazione iniziale potrei usarla ogni settimana per una “crisi”, un’emergenza o uno “choc” differente. Funziona sempre allo stesso modo. Questa volta mi riferisco all’emergenza profughi, alla foto del bambino kurdo-siriano affogato, a Renzi che dice che quelli di destra sono “bestie” e Salvini che gli dà del verme, ecc.

Per inchinarmi alla logica del mestiere recupero la mancanza iniziale con una serie di precisazioni che legittimeranno gli insulti da parte di tutti i coinvolti.

La crisi dei profughi non era solo “prevedibile”, come hanno dichiarato in tanti – non ultimi Schulz e Putin – ma in qualche modo “favorita”. Innanzitutto l’amministrazione politica ha un senso solo se è in grado di anticipare i processi e accompagnarli, limitarne i danni, invertirne gli effetti. Se nessuno in Europa è stato in grado di farlo ci dovrebbero essere dimissioni di massa. Purtroppo è peggio di così: tutti sapevano come andava a finire e nessuno ha fatto alcunché. A molti semplicemente conveniva che finisse così per fini economici o elettorali, altri lo volevano e alcuni, infine, pur sapendo, non potevano farci nulla.

L’origine dell’ultima ondata è la destabilizzazione decisa a tavolino del Medio Oriente e del Mondo arabo. Se nessuno impedisce agli americani di seminare scientemente il Caos per poi gestirlo o “risolverlo” su richiesta e presentando un conto salatissimo, le crisi si susseguono di anno in anno: terrorismo, guerre, fame, inondazioni migratorie, destabilizzazione politica. Tutta colpa degli americani? Ebbene sì, lapidatemi se volete, ma io credo fermamente di sì. E stranamente chi ne fa le spese è sempre e assolutamente l’Europa, che gli Usa – sin dalla guerra di secessione – indicano come il nemico principale da abbattere. Altro che imperi del Male veri o di cartone.

E questo risponde in anticipo anche a chi dice: “sì, ma allora quelli che vengono dal Pakistan o dall’Africa nera cosa c’entrano con la crisi siriana?”. Poco con quella siriana, tutto con la crisi mondiale esplosa, guarda caso, all’inizio del 2000 quando, inavvedutamente, molti avevano profetizzato la fine del “secolo americano”.

C’entrano i profughi con la crisi del gas e del petrolio? Assolutamente sì. Come la guerra in Ucraina, la destabilizzazione della Libia, la creazione dell’Isis e praticamente tutto il resto. Compreso l’abbattimento dell’ultimo governo legittimo in Italia (quello, con buona pace di molti, con presidente Berlusconi).

Ma ritorniamo ai profughi. Anzi, alla comunicazione sui profughi. Molti sono morti quando non c’era un bravo fotografo (fotografa) a scattare il clic. Ora c’è stata. Lei dice – e chi può metterlo in dubbio – che quella foto l’ha voluta fare e diffondere per tutto il mondo per “scuotere” le coscienze e non perché scattare foto sensazionali è quello che fanno quelli della sua professione. Questa storia mi ricorda quando ero a L’Aquila con la Croce Rossa il giorno dopo il terremoto. Quando i pompieri tiravano fuori i corpi dalla Casa dello Studente non si riusciva a portar via le barelle per la ressa di fotografi e cameramen che si spintonavano per poter cogliere lo scatto più sensazionale. E gli amici e i parenti delle vittime li aggredivano e li insultavano chiamandoli “sciacalli”.

Agli occidentali piacciono enormemente di più i “simboli” delle cose reali. Diventano arte, sono comodi e versatili e soprattutto mettono a posto la coscienza a poco prezzo. Si fanno manifesti, si ritwitta, si mette il logo accanto al proprio profilo, si fa magari anche qualche passeggiata con uno striscione e voilà! Ci si complimenta l’un l’altro per aver salvato il mondo e si va a letto con la coscienza a posto. Mi ricorda quando ero alla Camera e ogni mese tiravano fuori leggi e mozioni per liberare le donne, eliminare discriminazioni, salvare i bambini, abolire la pena di morte, la fame e tutto il resto. Passava tutto quasi all’unanimità e poi ci si abbracciava, ci si stringeva le mani, a volte partivano anche i baci… Un’impostura collettiva. Ora l’Anci della Lombardia ha deciso di sconfiggere le infiltrazioni della ‘ndrangheta con dei terrificanti cartelli stradali che intimano: “questo comune è contro la ‘ndrangheta!”. E via! Tutti i mafiosi fanno i bagagli e emigrano nel comune più vicino, dove il cartello non è ancora stato apposto.

E quando i simboli sono veramente “forti” ti devi allineare, perché contro i simboli non puoi argomentare: o sei dentro o sei fuori. E che il gioco sia questo lo si evince dall’ennesima artificialissima polemica sulle dichiarazioni di Renzi su “bestie e uomini”. Il concetto, legatissimo all’ostentazione di varie foto di bambini sullo sfondo del suo comizio, è semplice: è umano intenerirsi dinanzi alla sofferenza dei bambini, chi non lo fa è una bestia.

Va precisato, per dovere di cronaca, che Renzi non ha affatto detto (riguardatevi i tg) che “quelli di destra sono bestie”. Non è certo così sprovveduto. Ma siccome a ping-pong si gioca in due, c’è chi ha fatto finta di fraintendere e giù tutti a dire e scrivere “allora io sono una bestia, ma comunque sempre meglio di te…” e pappappero… Tanto per alzare il livello del dibattito politico e partecipare al teatrino della politica in cui, se non hai una parte da recitare, non vieni calcolato.

D’accordo, dire cose troppo complesse non fa comunicazione, meglio banalizzare e buttarla in caciara. E infatti nessuno vuole perdere tempo a interrogarsi sulle cause ma tutti vogliono sapere cosa fare ora, per contrastare gli effetti che sono diventati un problema evidente e presente. Pia illusione, perché una soluzione a portata dei governi nazionali – o locali – non c’è. Il problema non si può risolvere facendo sit-in contro l’arrivo dei profughi in un hotel e nemmeno, dall’altra parte, esiste la reale possibilità di dargli accoglienza o integrarli tutti e nemmeno, se si volesse, rimandarli a casa. Stiamo ormai parlando di centinaia di migliaia di persone. Insomma, una soluzione a portata di mano, vera e seria non c’è. E quindi incentrare il dibattito politico su questo è da idioti. O da ipocriti.

Quando Obama dice che per risolvere questa crisi ci vorranno 20 anni, non è una previsione, è un auspicio. Con l’Europa bloccata per vent’anni a cercare di risolvere questo immenso problema non ci sarà il tempo né la voglia di programmare iniziative dettate dall’interesse nazionale, non si potrà seriamente seguire la politica estera, non si potranno mettere a posto i conti né far funzionare il welfare. E nel frattempo i musulmani continueranno a massacrarsi tra di loro, i Paesi dell’Africa con risorse naturali resteranno ingestibili, la modifica del cambio Dollaro-Yuan ha avvelenato l’economia cinese, sulla frontiera tra Pakistan e India soffiano venti di guerra, Il Brasile è entrato in crisi, il progetto neo-ottomano di Erdogan rischia di affogare in una nuova, eterodiretta, guerra civile e la Russia è impegnata su dieci fronti, dopo che l’Europa, che era suo naturale partner, ha cercato di togliergli l’accesso al mare scippandogli Odessa e Sebastoboli e si è chiusa da sola i rubinetti del gas che veniva dall’Asia centrale.

Solo negli Usa tutto è normale. Con una strage al giorno in qualche scuola, scontri con la polizia su qualche ragazzo afro ucciso, mafie di ogni continente che proliferano e il casting per il prossimo attore che dovrà recitare la parte dell’Uomo più potente del Pianeta… (alla Casa Bianca…).

Chiedo scusa al direttore. Mi aveva chiesto di parlare del povero bambino e della foto che, troppo tardi, lo ha reso famoso. Mi sono perso a parlare invece dei suoi assassini e dei mandanti del suo omicidio. Si vede che di comunicazione non ci capisco un granchè. E nemmeno forse di politica, se la politica è questa recita che sto vedendo in televisione.

@barbadilloit

Di Marcello De Angelis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *