0

Calcio. Sports Illustrated “scopre” i tifosi: solo la Juve tra le 31 coreografie mondiali

Pubblicato il 7 aprile 2015 da Giovanni Vasso
Categorie : Esteri Sport/identità/passioni

river plate tifosiSe c’è una sola cosa in cui gli americani non possono competere nel mondo, quella è il calcio. Non lo amano, quello sport da comunisti nonostante una storia che, a modo suo, ha dei tratti quasi epici come spiegamo qui. Però l’interesse verso il soccer sta crescendo. E da qualche anno ha iniziato ad occuparsene anche la prestigiosa rivista Usa Sports Illustrated.

Sull’edizione web del settimanale di New York, da qualche tempo, è uscita una fotogallery. Non si tratta di un’accozzaglia di foto prese a caso dal web, però. Anzi. Si tratta delle trentuno scenografie da stadio più belle del mondo. E, sorpresa, c’è solo un’italiana: la coreografia juventina dello Stadium nell’incontro con l’Inter.

Sembra davvero strano che l’Italia abbia una sola “rappresentante” nel carosello di scenografie mondiali. Le trovate tutte qua, quelle scelte da Sports Illustrated. Troverete scenografie da ogni angolo d’Europa, dal binocolo giallonero del Borussia Dortmund fino alle coperte blaugrana dell’Orgullo Barça. Ci sono i tifosi del Galatasaray, quelli dello Standard Liegi (Red or Dead al “traditore” Defour, ricordate?), persino i sauditi dell’Al Hilal. Ovviamente non manca una piccola collezione di coreografie – udite udite – inscenate addirittura sugli spalti americani. Errore marchiano, però, non inserire nella gallery nessuna scenografia sudamericana.

Il calcio è di chi lo ama, di chi lo vive. Perchè lo spettacolo vero, allo stadio, sono i tifosi. Nonostante tutto. E se se ne accorge pure l’America…

@barbadilloit

@giovannivasso

Di Giovanni Vasso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>