0

Liga. Massacro Real sul Granada: meglio mischiare le squadre per battere la noia?

Pubblicato il 8 aprile 2015 da gv
Categorie : Sport/identità/passioni

real granadaUomo che morde cane fa notizia. Cane che sbrana uomo, di meno. Il nove a uno del Real Madrid sul modestissimo Granada non è che faccia così scalpore. Forse può interessare statisticamente il numero stratosferico di pappine subite dagli andalusi – nove come le code del gatto sdoganato da Cinquanta Sfumature -, praticamente una ogni dieci minuti. Chissà che avrà pensato il portiere rojiblanco, Oier Olazàbal, che il Barcellona ha mandato a farsi le ossa a Granada e a cui Cristiano Ronaldo deve averle spezzate ben benino.

La verità è un’altra. Storica, incontrovertibile: la Liga, di per sè, è un campionato di poco conto. Se ci togliete l’eterna disfida Real-Barça, lo spuntare periodico e incostante di terze vie al calcio iberico (oggi è il turno dell’Atletico del Cholo Simeone), c’è pochissima carne al fuoco. E poi metteteci il regolamento che regala posizioni di privilegio a chi segna più degli altri. E ancora metteteci la strana concezione del “rispetto” degli avversari seguendo la quale la Spagna bombardò Tahiti – in Confederation Cup 2013 – ritrovando Maramaldo Torres.

In fondo in fondo c’hanno anche loro una piccola parte di ragione. Segnare finchè si può, sempre e comunque. Le poesie e gli infingimenti buonisti sono roba da curati di parrocchia, roba da Prandelli per intenderci. Anche passeggiare sugli avversari è roba da partitella post-messa in Oratorio. Solo che però, lì e in tutte le strade del Regno del Calcio, quando le cose si mettevano male e noiose c’era una regoletta semplice semplice: mischiamo le squadre?

@barbadilloit

@giovannivasso

Di gv

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>