0

La lettera. Basta piagnistei, il sovranismo è responsabilità

Pubblicato il 21 marzo 2015 da Leo Maladorno
Categorie : Parola ai lettori

italiaspendaccionaMolto a destra si parla di sovranismo. In verità a me sembra l’ennesima fuga in avanti, la consueta, deleteria abitudina italica di declamare grandi principi, teoricamente giusti e di astenersi però da qualsivoglia comportamento pratico coerentemente in linea con quanto si afferma. Meglio abbandonarsi al vittimismo ed alla congiura ordita dai poteri forti, dalla Merkel, dai popoli del Nord, dall’euro. Meglio tacere invece che per decenni  abbiamo sperperato soldi che non avevamo  con un assistenzialismo scandaloso e che non solo i politici, ma tutti gli italiani, ciascuno nel loro piccolo, hanno assaltato la diligenza!

Essere padroni a casa nostra è una conquista meritevole e faticosa che passa attraverso la nostra capacità di avere rispetto del bene pubblico ed una politica economica virtuosa, dimostrandoci popolo serio, sobrio e responsabile. E pensare che gli artefici della finanza creativa del passato  governo di centro destra si volevano vendere anche l’oro della Banca d’Italia…… Finiamola di dare sempre la colpa agli altri e di abbandonarci alla retorica senza nessun esame di coscienza. La Destra sia portatrice di un nuovo rigore morale ed economico predicando la forza dell’esempio in primis nella vita e nelle scelte di ciascuno. Se no tra la Repubblica delle banane tronfia, stracciona e lamentosa che non vuole vincoli perché tutto continui come prima da una parte e gli asfissianti tecnocrati  UE dall’altra , obtorto collo scelgo i secondi per non finire come Grecia ed Argentina. Purtroppo non siamo la Francia. La nostra è la cultura dei Fiorito, della Regione Sicilia, degli economisti Brunetta/Salvini.

Mussolini fu orgoglioso di portare la Nazione al pareggio di bilancio e questo era tutelare davvero la nostra sovranità. Altrimenti sono chiacchiere gonfie di retorica furbesca , slogan deleteri  perche gratuiti.
Grazie per l’attenzione.
Cordialmente.

@barbadilloit

Di Leo Maladorno

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>