0

Tifoserie. “No one likes us”: Millwall, Chelsea e West Ham i più odiati di Londra

Pubblicato il 6 marzo 2015 da Giovanni Vasso
Categorie : Sport/identità/passioni

millwall-no-one-likes-us-we-don-t-care-6No one likes us. I tifosi del Millwall c’hanno ragione: non piacciono a nessuno tant’è vero che sono – insieme a quelli del Chelsea – i più “odiati” della Londra pallonara. Subito dopo gli antipatici Lions e i nipotini degli Headhunters (che pagano lo scotto delle polemiche razziste di qualche settimana fa…) si piazzano i cockneys del West Ham. Non basta soffiare bolle in aria, pretty bubbles in the air, per diventare simpatici, evidentemente.

La ricerca porta la firma di Yougov, piattaforma di sondaggi con base proprio nella capitale di sua maestà britannica. A vincere l’ambita coccarda di tifoseria più bella e simpatica è il Boring Arsenal di Nick Hornby, quello della Febbre a 90 nonostante l’overdose di noia e delusioni. A seguire il Fulham, i cottagers bianconeri salvati – anni fa – dal vudù della sua colonia africana di cui parliamo qua.

Saldo “positivo” per Charlton Athletic, la squadra per cui facevano il tifo quei due amanti che solo qualche tempo  si produssero in un amplesso amazzone sulla linea di centrocampo, e i Qpr amatissimi dal british bulldog, al secolo il primo ministro Winston Churchill che da buon figlio seguì l’esempio del papà, “patron” degli Hoops nei primi anni ’90 del XIX secolo.

Suscita simpatia ai calciofili londinesi anche l’italo-albanese Leyton Orient, sulla cui panchina siede l’ex Fiorentina, Lazio e Perugia Fabio Liverani e che è di proprietà dell’imprenditore Francesco Becchetti, quello – per intenderci – di Agon Channel.

Sostanziale “parità” per il Tottenham, mentre fa il pieno di consensi l’alveare Brentford.

@barbadilloit

@giovannivasso

Di Giovanni Vasso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>