0

Serie A. Con Ichazo e Gonzalez è un Torino versione uruguagia

Pubblicato il 3 febbraio 2015 da Mario Bocchio
Categorie : Sport/identità/passioni

Gonzalez PogbaIl mercato che si sta per concludere, ha portato due giocatori uruguaiani in maglia granata.

Avvicendamento in porta: il belga Gillet, in volo verso Catania, sarà sostituito dall’estremo difensore Salvador Ichazo.

Il giovane portiere, classe 1992, arriva in prestito con diritto di riscatto dal Danubio di Montevideo: era stato un obiettivo della Juventus l’estate scorsa.

Ma il “pezzo” certamente più interessante è Alvaro Gonzalez.

“La S.S. Lazio comunica di aver ceduto l’atleta Alvaro Gonzalez al Torino a titolo temporaneo con opzione a favore del club granata”, è stata questa la nota con cui il club biancoceleste ha ufficializzato la partenza del “Tata” verso il Piemonte. Era arrivato a Roma nel 2010, proveniente dal Nacional di Montevideo.Ichazo

Classe 1984, soprannominato “El Tata”, il saggio, è un giocatore abile soprattutto in fase difensiva, essendo fondamentalmente un centrocampista di quantità. Dotato anche di una discreta tecnica e di una buona capacità di spinta sulla fascia laterale, si distingue per impegno profuso in campo e per l’ottima continuità in quanto a prestazioni. Il suo ruolo principale è quello di centrocampista arretrato a protezione della difesa, ma alla Lazio è stato anche utilizzato come esterno di centrocampo o terzino destro, peraltro con ottimi risultati.

Alla sua terza stagione alla Lazio, il 29 gennaio 2013, nella semifinale di ritorno di Coppa Italia, contribuisce alla vittoria della Lazio sulla Juventus (con conseguente passaggio in finale delle Aquile) per 2-1, segnando di testa il gol dell’1-0. Il 21 febbraio 2013 segna il gol del definitivo 2-0 nella partita di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League tra la Lazio e il Borussia Mönchengladbach, garantendo così il passaggio del turno ai biancocelesti. Il 26 maggio 2013 vince la Coppa Italia battendo in finale la Roma per 1-0.Tata e Neymar

Titolare in Nazionale, ha disputato il Mondiale in Brasile, ma è ormai celebre il siparietto con il brasiliano Neymar nella Confederations Cup del 2013. “Cagón de mierda, te falta tiempo”. Con questa espressione “colorita”, Gonzalez esortò l’asso carioca ad affrettare la ripresa del gioco e a non perdere tempo negli ultimi minuti della semifinale tra Brasile e Uruguay, aggiudicata poi dagli uomini di Scolari. La risposta del numero 10 brasiliano, oltre all’atteggiamento di per sé non troppo rispettoso, sta tutta nei due baci mandati all’indirizzo dell’irascibile Gonzalez, sulla strada della panchina dopo essere uscito dal campo. Poi la vendetta dell’uruguagio tramite Twitter. Ecco la traduzione del tweet: “Hola Neymar, continua a mandarmi baci quando vuoi fallito, che io nel frattempo mi fo..o la tua donna”.

Nell’attuale “rosa” granata, Ichazo e Gonzalez hanno trovato un altro connazionale, Gastón Alexis Silva Perdomo, noto come Gastón Silva, terzino sinistro, mancino naturale.

@barbadilloit

@MarioBocchio

Di Mario Bocchio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>