0

Cultura. All’asta i proclami di D’Annunzio (compreso il celebre “A noi”)

Pubblicato il 11 dicembre 2014 da Gerardo Adami
Categorie : Cultura

a noiAll’asta i celebri proclami di Gabriele D’Annunzio a Milano. Era il 16 maggio 1920 quando a Fiume, in un Teatro Fenice gremito, Gabriele D’Annunzio declamò “A noi”, il suo più noto proclama in veste di comandante del “Quarnaro liberato”, dopo la “vittoria mutilata´”del 1918.

“A chi la forza? A noi! A chi la costanza? A noi! A chi la fedeltà? A noi! A chi la vittoria? A noi!”: con queste invettive incitava i legionari fiumani, chiudendo un’arringa appassionata lunga ventidue pagine. Sostenava appassionatamente la causa dell’annessione di Fiume all’Italia.

La casa d’aste torinese Bolaffi – il 16 e 17 dicembre –  al Grand Hotel et de Milan metterà in vendita cimeli e proclami, parte di una raccolta interamente dedicata al poeta abruzzese e al suo ruolo nella breve Reggenza italiana del Carnaro, iniziata con la Marcia di Ronchi e la presa di Fiume. Purtroppo questo fuoco irredentista fu soffocato dal governo Giolitti e dal trattato di Rapallo che sancì l’indipendenza di Fiume, dove l’esperienza legionari si chiuse con il “Natale di sangue”.

d'annunzioTra i documenti ci sono proclami testi appassionati (“Il delitto è consumato . La terra di Fiume è insanguinata di sangue fraterno”) e celebrazioni degli eroi legionari Enzo Ferri e Basilio Scaffidi, morti in un incidente aereo all’inizio del 1920: “Vogliamo per la fede morire”, scrive il Vate.

@barbadilloit

Di Gerardo Adami

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>