0

Politiche. Il Pd ‘paga’ gli ammiccamenti a Monti e così risorge il giaguaro Berlusconi…

Pubblicato il 25 febbraio 2013 da Antonio Rapisarda
Categorie : Politica

giaguaro bersaniNon sono riusciti a “smacchiarlo”. L’Italia, ad urne ancora aperte, non solo è certa di non svoltare a sinistra ma dalla stessa rive gauche devono ammettere a denti stretti che il vero vincitore – in tandem con Beppe Grillo – è proprio Silvio Berlusconi: il “giaguaro” di cui sopra, duro a smacchiare. Magari la coalizione di centrosinistra è destinata a vincere in extremis alla Camera, ma – dalle facce e dalle dichiarazioni degli esponenti del centrosinistra via via che scorrono i dati – di tutto si può parlare, tranne che di vittoria politica per il Pd e i suoi alleati. I numeri del resto sono impietosi, dato che si è passati dal 33% conquistato nel 2008 da Walter Veltroni a circa il 27% a cui sembra destinato Pier Luigi Bersani: tutto questo a fronte dell’implosione del governo di centrodestra di Berlusconi che avrebbe dovuto portare a una vittoria larga e storica per i democrat.

E invece la maledizione della “gioiosa macchina da guerra” si ripete: dopo Occhetto e Prodi, adesso è Bersani a veder ridotto (di fatto annullato) un vantaggio che sembrava acquisito. Tante le ragioni di questa débacle che vanno ben  al di là dei meriti rispettivamente del Cav e del comico genovese. Non ha pagato, con tutta probabilità, la lunga gara di nervi che ha portato il Pd a una campagna elettorale continua e stremante sia all’interno che all’esterno del partito. Certo, esplosione democratica sono state le elezioni primarie, ma le lacerazioni tra Bersani e Renzi si sono fatte sentire: a maggior ragione con la disaffezione di una fetta di elettorato che, sconfitto il sindaco di Firenze, ha preferito rifugiarsi nel voto di protesta di Grillo piuttosto che scegliere il duo Bersani-Vendola.

Si dice, poi, che proprio l’esaltante vittoria delle primarie – con relative proiezioni del partito al 35% – avesse convinto i vertici del Pd di una vittoria liscia su un centrodestra che era stato asfaltato in tutte le competizioni elettorali degli ultimi due anni. Paradossalmente proprio l’inedito asse composto dal Renzi e D’Alema aveva messo in guardia Bersani dalla sottovalutazione della capacità di rimonta di Berlusconi. Presunzione a parte, comunque, non sembra sufficiente questo per valutare appieno il risultato. Con tutta probabilità è stato proprio quell’«abbraccio mortale con Monti», come ha spiegato Antonio Ingroia, la ragione più vera di questo risultato choc per il centrosinistra: il falso tira e molla con il “professore” («ci alleiamo, non ci alleiamo») in questa campagna elettorale, infatti, oltre a dimostrare l’incapacità del centrosinistra di credere nella vittoria piena, ha sancito una volta di più il profilo di “continuità” con l’esperienza Monti. I risultati testimoniano il tasso di gradimento tra gli italiani…

Di Antonio Rapisarda

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>