0

Politica. Radio Vaticana intervista una Sentinella: “Clima intimidatorio in Italia”

Pubblicato il 7 ottobre 2014 da Sergio Centofanti per RadioVaticana
Categorie : Cronache

manifantePiù di 10mila “Sentinelle in piedi” hanno manifestato ieri pacificamente – e nel silenzio, com’è il loro stile – nelle piazze di 100 città italiane per manifestare a favore della libertà d’espressione e della famiglia. I dimostranti in alcuni casi sono stati insultati o aggrediti da gruppi estremisti, ma non hanno reagito alle violenze. Sergio Centofanti ne ha parlato con una Sentinella in piedi che per motivi di sicurezza ha chiesto di mantenere l’anonimato.

Domenica è stata una giornata importante perché le Sentinelle in piedi, nate nell’agosto 2013, sono scese contemporaneamente in 100 piazze d’Italia. Sentinelle che – lo preciso onde evitare fraintendimenti – non sono confessionali: tra le Sentinelle abbiamo anche persone musulmane, atei … quindi, non hanno una matrice cattolica. Le Sentinelle in piedi sono un movimento spontaneo, un insieme di persone che manifestano in maniera apartitica e apolitica, semplicemente per riaffermare la libertà di espressione, principalmente. Libertà di espressione e di opinione che, come abbiamo visto soprattutto ieri, in tante piazze d’Italia è stata assolutamente violata: tante Sentinelle che si erano radunate per vegliare nel consueto modo – quindi in silenzio, con un libro in mano, semplicemente dimostrando con la loro presenza la loro coscienza e il loro essere preoccupati di fronte a determinate cose che si stanno instaurando a livello politico e sociale – queste Sentinelle che erano assolutamente pacifiche sono state aggredite. Quindi, la libertà di espressione che le Sentinelle stesse vanno a difendere, si è dimostrata essere violata da atteggiamenti spesso anche molto violenti.

Ci sono stati feriti?

Posso dirle, perché ero presente lì, del caso di Rovereto dove una trentina di giovani sedicenti anarchici si sono presentati un quarto d’ora prima dell’inizio della veglia nella piazza che era stata adibita per la manifestazione, e hanno minacciato gli organizzatori che in quel momento erano presenti per sistemare le ultime cose, intimando loro di abbandonare il luogo, di andarsene, insomma. E quando gli organizzatori hanno risposto di avere un regolare permesso della Questura e che quindi la manifestazione era autorizzata, hanno iniziato a lanciare uova e gavettoni. Il risultato è stato che due persone, tra cui anche un sacerdote, sono finite al pronto soccorso: uno degli organizzatori si è ritrovato con il setto nasale rotto mentre il sacerdote ha avuto una prognosi di due giorni.

Voi manifestate in silenzio, in particolare contro il disegno di legge sull’omofobia …

Esatto. Diciamo che il disegno di legge sull’omofobia, che adesso è al Senato, ha tra le proprie corde proprio il fatto di togliere la libertà di espressione, impedendo alle persone di dire, per esempio, che il matrimonio è solo ed esclusivamente tra un uomo e una donna o che i bambini hanno diritto ad avere un padre e una madre … Sono cose assolutamente banali: Chesterton direbbe che si stanno sguainando le spade per dimostrare che in estate le foglie sono verdi … Però, ci troviamo in un contesto sociale che ci chiama a riaffermare anche queste cose assolutamente basilari.

C’è un clima preoccupante in Italia?

Direi che in molte piazze è emerso proprio questo, ieri. Tante persone che sono scese in piazza con le Sentinelle in piedi – in totale si è fatta una stima di 10 mila persone che hanno vegliato ieri in Italia – in maniera silenziosa, assolutamente pacifica, senza fare del male a nessuno, sempre nel pieno della legalità, con permessi chiesti alla Questura, sono state insultate semplicemente per la loro presenza silenziosa. Questo denota un clima decisamente aggressivo e certamente preoccupante, nel senso che la libertà d’espressione sembra molto minacciata in Italia, molto più di quello che noi crediamo e pensiamo.

*da http://it.radiovaticana.va/news/2014/10/06/sentinelle_in_piedi_aggredite/1108005

@barbadilloit

Di Sergio Centofanti per RadioVaticana

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>