1

Politiche. Staiti di Cuddia: “Dal Msi a M5S: voto Grillo dinamite contro il sistema”

Pubblicato il 22 febbraio 2013 da
Categorie : Scritti

tommaso-1staiti“Glielo dico, voto Grillo, senza alcuna speranza ma usandolo come si userebbe la dinamite contro questo sistema divenuto una casa fatiscente che è meglio abbattere perché non si può più restaurare essendo piena di topi e scarafaggi”.

Tomaso Staiti di Cuddia, figura storica delle destra italiana, alla vigilia delle elezioni ha scritto un libro sulla crisi della destra nell’era di Berlusconi. Intitolandolo programmaticamente “Il suicidio della destra. Non uno schianto ma una lagna”.

Nella introduzione del volume, Staiti, più volte parlamentare del Msi ma da sempre considerato un eretico (lui preferisce definirsi “uomo libero come mi ha messo al mondo mio padre”) e contestatore fin dai tempi di Almirante e poi della svolta di Fiuggi, si rifà ad una canzone di Lucio Dalla per titolare un appassionata carrellata di ricordi sulla destra degli anni ’60-70 ‘Disperato, solitario, stomp’.

“Guardi – spiega – prima ci potevano accusare di crimini ma non certo di essere gente senza dignità o dei guitti come ora”. Nel libro Staiti non è tenero con personalità della destra da Fini a Gasparri e La Russa. “A Fini ho chiesto come abbia potuto stare con Berlusconi per 17 anni e lui, sinceramente, mi ha risposto ‘posti e potere’. Ma con questa logica si è arrivati all’oggi, a questo talk-show continuo e per giunta recitato male dai La Russa o Gasparri. Ora nulla può essere salvato e chi rimpiange l’onestà intellettuale che ci animò rischia di passare per folcloristico”.

L’accuseranno di fare il gioco della sinistra o lo sfascista… “Ci sono abituato – è la replica di Staiti – ma mi consola il fatto che c’é tanta gente onesta e per bene di destra che non si è piegata al berlusconismo. Scrivo per loro”.

* Da Brescia Today

Una risposta a Politiche. Staiti di Cuddia: “Dal Msi a M5S: voto Grillo dinamite contro il sistema”

  1. Staiti ha colto il nocciolo del problema: gli ultimi vent’anni di berlusconismo ( con la parentesi dei sette anni di governo del centro-sinistra …)hanno ridotto L’Italia in miseria e l’ultimo geverno Berlusconi a mio modo di vedere e’ stato di gran lunga il primo per malaffare, disinteresse per ilcittadino,malcostume e arroganza dei poltici che comandavano. Poi certo la recessione e’aumentata con il governo Monti cosi’ come il debito pubblico e la disoccupazione ( abbiamo toccato i tre milioni di senza lavoro TOTALI e nel calcolo non rientrano i co.co. pro, i lavoatori interinali, quelli a tempo determinato diretto di breve durata e coloro che senza lavorare percepiscono gli ammortizzatori sociali….cioe’ in sostanza i disoccupati a carico dello Stato che pero’ son considerati dallo Stato italiano stesso come occupati!).In sostanza il governo Berlusconi e’ stato il peggiore quanto a malcostume volgarita’ e disprezzo per il cittadino, Il governo Monti ha ulteriormente peggiorato tutti gli aspetti concernente la vita sociale ed economica, senza pero’ raggiungereil malcostume ed il malaffare del precedente.
    Staiti pero’ trascuro un aspetto pero’non indifferente: che garanzia io ho, comune cittadino, che TUTTI i grillini poi manterranno il patto dato agli elettori di mantenersi distanti dai due grandi poli???….e se proprio un certo numero di loro una volta eletti poi andasse a rinforzare le truppe bersaniane per contribuire a spolpare ancora il gia’ stremato Popolo italiano???.
    No, io non mi fido. E sebbene il MS5 stelle offra piu’ garanzie degli altri ho ancora in mente il triste ricordo di Razzi e Scilipoti con relativa compravendite al contrario rispetto al caso che potrebbe ripresentarsi a giorni …….quindi per il momento non offriro’ alcun pretesto ad una probabile vittoria del centro-sinistra.

    Agostino

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>