0

Calcio. Zoppica il Real Castilla di Zidane: non tutti i top player sfondano in panchina

Pubblicato il 30 settembre 2014 da giva
Categorie : Sport/identità/passioni

Zidane-banc-Real-B_w484Maledetto Pep Guardiola. Maledette “cantere”. Zinedine Zidane rischia di stroncare i sogni di Florentino Perez. Cattivissimo inizio campionato per il Castilla, la squadra satellite del Real Madrid che milita nel gruppo 2 della Segunda Division B, che la dirigenza dei blancos ha affidato al franco-algerino con un obiettivo che più preciso non si può: far crescere…Zidane.

Una sola vittoria e cinque sconfitte, l’ultima rimediata in casa. Tre a zero rifilato ai ragazzi allenati da Zizou dall’Amorebieta. E Zidane rischia l’esonero. El Mundo Deportivo ha parlato di frizioni, dubbi e incertezze nell’entourage madrileno. Da un lato la volontà di offrire all’ex fantasista della Francia bicampione la chance di temprarsi come allenatore capace di poter traghettare il Real verso (ancora) più alti destini. Dall’altro il catastrofico preludio del campionato, che consegna il Castilla all’ultimo posto, solitario, a un punto dal Trival.

Zidane paga la maledizione dei grandi calciatori che sognano di diventare allenatori. Pochi riescono, dopo una carriera giocata al top, a confermarsi campionissimi anche in panchina. E i tecnici più importanti, in campo, sono stati o delle mezze pippe come Mourinho (che si ritirò a 24 anni capendo che il calcio giocato non era per lui) o dei buoni picchiatori come Marcello Lippi, difensore della Sampdoria prima e della Pistoiese poi ai tempi del mitologico Luis Silvio. Zidane, però, paga anche il fatto di essere un predestinato, fortemente voluto dalla dirigenza dei Blancos per “prodursi” un tecnico vincente in casa. Guardiola prima e Luis Enrique oggi, al Barça, hanno fatto evidentemente scuola al di là dei Pirenei.

Di giva

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>