1

Se i magistrati scoprono di essere cittadini come tutti gli altri

Pubblicato il 2 febbraio 2012 da
Categorie : Corsivi

distorsione della giustizia

 

L’era del Preside Monti non regala agli italiani solo afflizioni. Dal Parlamento arriva una buona notizia. La Camera ha dato oggi il via libera alla norma che introduce la responsabilità civile dei magistrati. Chi commetterà errori dovrà risarcire i danni causati alle vittime, anche se siede in un Tribunale.

L’emendamento è firmato da un “Pierino” della Lega Nord, Gianluca Pini: 264 voti a favore, 211 contrari, un astenuto. Tutto a scrutinio segreto.

Il centrosinistra filo-immunità delle toghe grida allo scandalo con Pier Luigi Bersani in prima linea (non si interessa solo di farmacie, questa è una notizia).  Presumibilmente la maggioranza è stata formata da Pdl, Lega e garantisti dell’ex minoranza.

I sindacati dei magistrati annunciano possibili scioperi, e il ministro della Giustizia, Paola Severino, scopre l’acqua calda: “Il Parlamento è sovrano”. Ecco il punto: per una volta la politica ha rotto il giogo del commissariamento consociativo. Una buona notizia. Speriamo non sia un caso isolato. (Barbadillo)

Una risposta a Se i magistrati scoprono di essere cittadini come tutti gli altri

  1. Erano anni che aspettavo questa notizia. Iniziamo a togliere un po’ di privilegi a questa gente…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>