0

Premier. Il City scavalca Chelsea e Liverpool. Lo United ko in casa dal Sunderland

Pubblicato il 7 maggio 2014 da Hugo Sanchez
Categorie : Sport/identità/passioni

man-city-arsenal-620.ashx_Il ritorno…dell’Ingegnere Pellegrini. Il Manchester City scavalca il Liverpool e il Chelsea e punta deciso a vincere la Premier League. Ma se i Reds di Brendan Rodgers possono ancora sperare, battendo magari il Crystal Palace che non ha più nulla da chiedere al campionato, i Blues di Mourinho sono stati capaci di pareggiare allo Stamford Bridge contro il derelitto Norwich City.

L’ULTIMA DI ASHLEY COLE. Il Chelsea ha impattato zero a zero contro i Canarini che non vincevano ormai non si sa più da quante giornate. Dopo la partita tutti sono corsi ad abbracciare Ashley Cole, praticamente in lacrime. Non certo per la pessima gara disputata dai suoi, quanto più per la clamorosa indiscrezione che lo vorrebbe già accasato altrove. Intanto il punticino guadagnato in trasferta, ridà fiato alle speranze salvezza del Norwich dopo il tonfo in Championship di Cardiff (schiantato 3-0 dal Newcastle) e del Fulham (4-1 in casa dello Stoke City).

LE DUE MANCHESTER. Il City vola alto: schianta l’Everton (3-2) al termine di una gara molto combattuta e guadagna la testa della classifica. Ha una gara in meno del Chelsea e del Liverpool e li ha già scavalcati nella furibonda lotta testa a testa per la conquista della Premier. Lo United incassa un’altra sconfitta. Ormai i Red Devils non hanno più niente da chiedere al campionato. Forse, solo che finisca il prima possibile. La cura Ryan Giggs non basta e all’Old Trafford, il tremebondo Sunderland di Gus Poyet conquista i tre punti che, probabilmente, daranno la salvezza ai biancorossi.

@barbadilloit

 

Di Hugo Sanchez

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>