8

L’analisi. Veneziani: “Fratelli d’Italia può coprire il vuoto (a destra) del sistema politico”

Pubblicato il 1 marzo 2014 da Marcello Veneziani
Categorie : Politica

simbA giudicarlo graficamente, il nuovo simbolo di Fratelli d’Italia, votato da un sondaggio, somiglia al bersaglio del tiro a segno. Nel cerchio più esterno che vale diciamo due punti ci sono i Fratelli d’Italia, poi nel secondo cerchio c’è Alleanza Nazionale che ne vale tre, quindi nell’ultimo cerchio c’è la Fiamma che ne vale quattro. I nostalgici ne vedono un quarto che è un fascio, ma è un’illusione ottica…

La progressione del target è confermata dai sondaggi: il marchio giovane di Fratelli d’Italia s’accresce con la sigla di An, ma la Fiamma resta l’icona che tira di più. Perché ricorda la giovinezza di molti, è un simbolo forte e pulito, non evoca carriere e potere ma una storia e una passione, e Almirante è ritenuto più vivo di Fini.

I tre strati del simbolo corrispondono a tre destre per tre Repubbliche, una passata, una morente, l’altra ventura. I fratelli d’Italia, guidati dalla sorella minore Giorgia Meloni, figli di Mamma An, nipoti di Nonno Msi, svezzati nella Giovane Italia, ora vanno a congresso. Alla nuova matrioska mancano però due tasselli. La capacità di riunire tutte le destre in campo. Ma soprattutto la capacità di bucare l’attenzione generale e farsi sentire. Non hanno ancora trovato un nuovo simbolo o un’idea forte che li distingua non solo come reduci e discendenti. A loro favore c’è la possibilità di coprire il vuoto di «destra», calando nel presente i suoi temi e le sue istanze, e la desolazione della politica circostante. Nell’attesa, l’ancora di salvezza è una fiamma antica.

*da il Giornale

Di Marcello Veneziani

8 risposte a L’analisi. Veneziani: “Fratelli d’Italia può coprire il vuoto (a destra) del sistema politico”

  1. Veneziani scrive sul Giornale per necessità e non ci si può aspettare granché.
    Ma, anche se non ha libertà di far politica, può criticare la politica e quanto scrive ricorda un dato di fatto che chi è stato nel MSI sa bene.
    NON È MAI ESISTITA ALLEANZA NAZIONALE E NON ESISTE FRATELLI D’ITALIA.
    Sono solo mascherature che coprono la mancanza di coraggio che contraddistingue i traditori del 1995,
    Dice bene Veneziani: c’è un solo simbolo e c’è stato un solo partito: il MSI.
    Smettiamola con le carnevalate.
    Alleanza Nazionale e Fratelli d’Italia sono sigle senza contenuti, se non il tradimento ventennale.
    Meglio starsene a casa che recitare queste parti meschine.

  2. Ma Veneziani come giornalista/scrittore guadagna cosi’ poco da cercare neo-mentori tra i trombati di tutte le stagioni ? Msi-dn, an, fdi ?
    Perche’ non parlate di contenuti invece che dei ‘ neo-contenitori di una classe dirigente sputtanata ‘ ?
    113 basi di occupazione americana che paghiamo conl’ irpef
    Una moneta non sovrana che ci ha impoveriti
    Banche e poteri tecnocratici che hanno spezzato una Nazione
    Una sottocultura neo-capitalista che e’ neomarxismo 2.0
    Fine del lavoro, della produzione, del risparmio
    Incapacita’ di qualsiasi visione antagonista e insurrezionale …
    Veneziani ricordi l’ 800 e il 900 ?
    Ebbene gli intellettuali di questi secoli prima di parlare , partecipavano alla guerre ….
    Dopo aver processato l’ Occidente, sei anche in grado di attaccarlo ?

  3. Letto l’ultimo commento, aranno mica i troppi argomenti che potremmo affrontare a scoraggiare politici ed intellettuali?
    O non abbiamo neanche il coraggio di avere ragione quasi su tutto?
    È troppo facile vincere che dobbiamo lasciare spazio a Grillo?
    Persino in Francia ci sono i Dieudonné i Soral che sparano tutti i giorni, udite udite, contro americains e juifs, questi ultimi attaccati come classe dominante, che utilizza l’holocaustica religio per oscurare ogni forma di ribellione al loro dominio.
    Non credo che ai Veneziani ed ai Buttafuoco sia ignoto il successo delle conferenze di Soral e degli spettacoli di Dieudonné: se le sognano le migliaia di spettatori che i due coraggiosi hanno in Francia.
    Insisto, È UNA QUESTIONE DI CORAGGIO che non può esser lasciato ad un dilettante della politica, ma bravo comico, qual è Grillo.

  4. Il problema e’ che i cosidetti intellettuali organici, con i loro percorsi fatti tipo Italia Settimanale, esperienza compiacente del grande centro-destra Berlusconiano, hanno aperto la strada alla mutazione antropologica e comportamentale di quello che di fatto e’ accaduto negli ultimi 20 anni.
    Quindi si sentono ‘ partecipi ed attratti ‘ dalle trombature politiche, dal fallimento, dagli accattoni rimasti a giostrarsi simoboli e simbolini, nelle varie ‘ destre nuove ‘ …
    Intellettuali organici e destre nuove si attraggono cosi’ nel declino irreversibile,
    Farebbero bene invece a diluirsi fino a scomparire . Chissa’ che non nasca qualcosa di nuovo ed antagonista,

  5. Un uomo della cultura di Veneziani svillaneggiato da un paio di bertucce… voi che cianciate tanto, almeno avete letto e studiato la metà di ciò che ha fatto lui?

  6. Ognuno fa il suo mestiere. Io ho tre titoli di studio, ma non faccio l’intellettuale. Il coraggio, però, l’ho sempre avuto. Veneziani è oltre venti anni che non ce l’ha. In ottima compagnia di tutti gli altri timorosi, naturalmente.

  7. Se è per questo “le bertucce” a metà degli anni 80′ organizzavano A Veneziani le presentazione dei suoi libri sulla Rovoluzione Conservatrice in Italia e ” Processo all’Occidente ” …

    Oggi invcece l’ occidente non è piu’ processabile perchè ha vinto, e quindi si accetta di esserne una variabile riformista, e quindi Veneziani se ne và a braccetto tra i Proci ad Itaca, con quella “bertuccia” di Larussa/Ligresti in compagnia dell’ottima compagnia dei neo-antifascisti Alemanno, Rampelli e Meloni ….

    Perlomeno P. Buttafuoco ha puntato su Salvini che non ha mezze misura di collocamento politico.

    Quello che temo è che anche Veneziani , uomo di cultura e nessuno lo nega, e che bollo’ la cialtroneria di Fiuggi ” …. la rimozione del fascismo come fosse un calcolo renale” … stia purtroppo in cerca di lavoro anche Lui e si è buttato a pesce tra i trombati/derelitti delle destre nuove …

  8. sarebbe ora di ridimensionare i “Ciceroni” di turno,ed i loro accoliti…..l’analisi di Catilina e’ perfetta,e a questo punto mi candido per far parte dei congiurati,convinto che il finale sara’ diverso da quello storico,sopratutto perche costoro(meloni la russa storace rampelli alemanno etc etc )non hanno avuto,e non l’avranno mai, la grandezza di un Cicerone. Ad maiora!!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>