0

L’analisi. Veneziani: “Fratelli d’Italia può coprire il vuoto (a destra) del sistema politico”

Pubblicato il 1 marzo 2014 da Marcello Veneziani
Categorie : Politica

simbA giudicarlo graficamente, il nuovo simbolo di Fratelli d’Italia, votato da un sondaggio, somiglia al bersaglio del tiro a segno. Nel cerchio più esterno che vale diciamo due punti ci sono i Fratelli d’Italia, poi nel secondo cerchio c’è Alleanza Nazionale che ne vale tre, quindi nell’ultimo cerchio c’è la Fiamma che ne vale quattro. I nostalgici ne vedono un quarto che è un fascio, ma è un’illusione ottica…

La progressione del target è confermata dai sondaggi: il marchio giovane di Fratelli d’Italia s’accresce con la sigla di An, ma la Fiamma resta l’icona che tira di più. Perché ricorda la giovinezza di molti, è un simbolo forte e pulito, non evoca carriere e potere ma una storia e una passione, e Almirante è ritenuto più vivo di Fini.

I tre strati del simbolo corrispondono a tre destre per tre Repubbliche, una passata, una morente, l’altra ventura. I fratelli d’Italia, guidati dalla sorella minore Giorgia Meloni, figli di Mamma An, nipoti di Nonno Msi, svezzati nella Giovane Italia, ora vanno a congresso. Alla nuova matrioska mancano però due tasselli. La capacità di riunire tutte le destre in campo. Ma soprattutto la capacità di bucare l’attenzione generale e farsi sentire. Non hanno ancora trovato un nuovo simbolo o un’idea forte che li distingua non solo come reduci e discendenti. A loro favore c’è la possibilità di coprire il vuoto di «destra», calando nel presente i suoi temi e le sue istanze, e la desolazione della politica circostante. Nell’attesa, l’ancora di salvezza è una fiamma antica.

*da il Giornale

Di Marcello Veneziani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *