0

Il caso. Tremonti: “La storia della fine del governo Berlusconi deve essere ancora scritta”

Pubblicato il 11 febbraio 2014 da Redazione
Categorie : Politica

tremonti«A un certo punto tutto precipita nel caos politico e la lettera della Bce è il “colpo di manovella” di un colpo di Stato. Ovviamente non quello di Curzio Malaparte, ma un golpe nella forma dolce della governance “post democratica e post moderna». Così Giulio Tremonti quest’estate ricordava al Giornale i due anni da quella lettera della Bce che, di fatto, ha rappresentato l’avviso di sfratto all’allora governo Berlusconi. Qualche mese dopo – e dopo le rivelazioni fatte ad Alain Friedman da parte di Monti, De Benedetti e Prodi sull’attività del presidente della Repubblica nei confronti dell’allora maggioranza – i contorni di quell’estate del 2011 sono ritornati prepotentemente al centro della scena.

Per questo Tremonti – ai tempi ministro dell’Economia al centro di polemiche e attacchi da parte di Bruxelles – in queste ore si è preso la rivincita: «La storia della caduta del governo Berlusconi non va riscritta. Dev’essere ancora scritta», ha spiegato a Dagospia. Dal punto di vista economico – il motivo per il quale Berlusconi ha dovuto “accettare” di farsi da parte – si «provi a fare un bilancio differenziale su com’era la situazione prima e su com’è la situazione adesso. Il debito pubblico doveva scendere e invece è salito. Il Pil doveva salire e invece è sceso».

L’ex ministro, poi, è tornato anche sull’effetto spread che in quei giorni era vissuto come lo spauracchio per eccellenza: «Quella dello scoppio dello spread finanziario è stata un’invenzione. Lo spread sociale invece è stata una perfetta realizzazione “tecnica”. Comunque il tempo è galantuomo. Più galantuomo dei cosiddetti galantuomini».

@barbadilloit

Di Redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>