0

Rugby. Al via il 6 Nazioni con Galles-Italia. Gli azzurri puntano sui baby mediani

Pubblicato il 31 gennaio 2014 da Redazione
Categorie : Sport/identità/passioni

italrugbyCome inizio non poteva essere peggiore: sfidare i dragoni del Galles, detentori del titolo, alla prima in casa (loro). Ma l’Italia del tecnico Brunel, oltre a non avere scelta, ha le idee chiare: «Il Galles è una delle squadre più forti d’Europa, ma credo che questa Italia possa dare risposte interessanti sabato. Il potenziale gallese è alto, ma possiamo controbattere con efficacia. Sia nel 2012 che nel 2013 siamo arrivati a metà gara pienamente in partita, poi abbiamo pagato alcuni errori che hanno permesso loro di prendere il largo nel punteggio. Questa volta cercheremo di stare a contatto nel punteggio sino alla fine, è ovvio che andremo in campo per vincere ma più di ogni altra cosa da questa gara mi aspetto contenuti tecnici importanti dalla squadra ed in primis una difesa che torni sui livelli di quella dello scorso torneo».

Una sfida affascinante, questa del Millennium stadium in diretta sabato su D-Max, per la quale l’Italia di rugby si presenta innestata di giovani come non mai. Nessuna “rottamazione”, chiaro, solo una scelta di prospettiva, quella di puntare sui ventenni, in vista del Mondiale che si avvicina. Ma il 6 Nazioni, ovviamente, non rappresenta di certo una sfilza di test match: quindi la scelta della Federazione e del tecnico francese testimonia la volontà di utilizzare – proprio come accade nel rugby d’élite – quanto di meglio “l’Accademia” rugbistica italiana riesca a partorire.

La scommessa di Brunuel è far convivere allora la mischia di esperienza (una prima linea di assoluto livello internazionale, così come l’immancabile capitano Sergio Parisse e il rientro di Mauro Bergamasco e di Marco Bortolami) e l’innesto di ventenni dalle belle speranze nella linea dei tre quarti con l’obiettivo di vivacizzare il gioco, che poi è il “verbo” con il quale il tecnico francese ha stupito tutti nelle ultime due edizioni del 6 Nazioni collezionando alcune delle vittorie storiche dell’Italia nel 6 Nazioni.

Si riparte da Cardiff, insomma, con la scommessa delle scommesse: il ventunenne Tommaso Allan in apertura, mentre il ventiquattrenne Giorgio Gori sarà mediano di mischia. Una linea di mediani giovanissima alla quale l’Italia ha affidato il compito di rendere fluido e imprevedibile allo stesso tempo il gioco di una Nazionale sempre più rispettata a livello internazionale.

Ecco tutta la rosa degli azzurri:

15 Luke Mclean, 14 Angelo Esposito, 13 Michele Campagnaro, 12 Alberto Sgarbi, 11 Leonardo Sarto, 10 Tommaso Allan, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse – capitano, 7 Mauro Bergamasco, 6 Alessandro Zanni, 5 Marco Bortolami, 4 Quintin Geldenhuys, 3 Martin Castrogiovanni, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Michele Rizzo. A disposizione: 16 Davide Giazzon, 17 Alberto De Marchi, 18 Lorenzo Cittadini, 19 Joshua Furno, 20 Francesco Minto, 21 Tobias Weitz Botes, 22 Luciano Orquera, 23 Tommaso Iannone.

@barbadilloit

Di Redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>