0

Sicilia. Crocetta scivola sull’abolizione delle province. Musumeci: “Addio maggioranza”

Pubblicato il 30 dicembre 2013 da Fernando M. Adonia
Categorie : Cronache

crocettaScivola sull’abolizione delle province la giunta di centrosinistra al governo della Regione siciliana. Con 33 voti contro 31, l’Ars ha respinto, su proposta del leader dell’opposizione Nello Musumeci, la richiesta di prorogare il mandato dei commissari delle nove province regionali già virtualmente soppresse con la cosiddetta legge 7 del marzo 2013. Rosario Crocetta finisce dunque in minoranza. A favorire l’esito di uno scrutinio già in parte annunciato, hanno contribuito il meccanismo del voto segreto e l’azione dei “franchi tiratori” della sua stessa maggioranza.

La cronaca. Entro il 31 dicembre, la giunta regionale avrebbe dovuto varare definitivamente l’istituzione dei liberi consorzi tra comuni e la fondazione delle tre città metropolitane di Palermo, Catania e Messina, enti chiamati ad assorbire le competenze delle province dismesse. Nei fatti, però, i nove mesi appena trascorsi non sono serviti alla maggioranza per raggiungere un testo condiviso.

Con il voto di sabato, si apre dunque un nuovo scenario. Se entro 45 giorni, infatti, il governo regionale non raccoglierà in aula i numeri necessari per varare un nuovo testo, i siciliani saranno chiamati a votare per l’elezione dei presidenti delle Province e il rinnovo dei consigli provinciali. Un quadro che cestinerebbe definitivamente ogni proposito riformista di Rosario Crocetta. Intervistato da LiveSicilia, il presidente della Regione ha parlato apertamente di gesto «controrivoluzionario» effettuato dai componenti della sua stessa maggioranza. Mentre dagli ambienti del Megafono è già partita la conta per individuare i nomi dei parlamentari che avrebbero sgambettato i piani crocettiani.

Le reazioni. Esultano, intanto, gli esponenti del centrodestra. Non trattiene l’entusiasmo Nello Musumeci, esponente de La Destra: «L’approvazione dell’emendamento del nostro gruppo dimostra che una parte dei deputati, di tutti i gruppi, è stanca di assistere impotente ai continui rinvii di un governo incapace di sostituire le Province che dice di volere cancellare». Per il vicepresidente dell’Ars, Salvo Pogliese (Forza Italia), la buca in cui sarebbe caduto Crocetta paleserebbe la fine della sua stessa coalizione: «La politica ‘tutta annunci e niente fatti’ del Presidente è ormai indigesta anche alla sua maggioranza, che ormai si è squagliata come neve al sole».

@barbadilloit

Di Fernando M. Adonia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>