0

Economia. Il lavoro in Italia lo creano le piccole aziende. I colossi incidono solo il 29%

Pubblicato il 15 novembre 2013 da Francesco Filipazzi
Categorie : Economia

artigiano«Le piccole imprese hanno creato più del doppio dei posti di lavoro delle grandi aziende», lo dice la CGIA di Mestre in un’analisi pubblicata il 13 novembre, riguardante l’occupazione fra 2001 e 2011. Le aziende con meno di 50 addetti hanno creato il 64% dei 711mila posti di lavoro registrati, mentre le grandi aziende hanno contribuito per il 29,9%. La restante percentuale è costituita dalle medie imprese.

Secondo Giuseppe Bortolussi, segretario della CGIA, «l’importanza delle piccole imprese emerge in maniera evidente dalla lettura delle statistiche ufficiali. Stiamo parlando di aziende artigiane-commerciali, di piccole imprese e di attività guidate da liberi professionisti che non chiedono aiuti o prebende, ma una pressione fiscale e un peso della burocrazia in linea con la media europea e la possibilità di accedere con maggiore facilità al credito».

Il sostegno alle piccole imprese, 99,5% del totale italiano, va quindi di pari passo con il rilancio dell’economia dell’Italia, dove ormai i fallimenti sono innumerevoli, quasi 10mila solo nei primi nove mesi del 2013, secondo i dati dell’Istituto Cerved. Una situazione sull’orlo della rottura, per un’economia diventata grande e importante grazie all’iniziativa e l’intraprendenza dei singoli, oggi schiacciati dal peso di uno Stato che si dimostra sempre più iniquo.

@cescofilip

Di Francesco Filipazzi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>