1

L’analisi. Come è rimasto “rottamato” Matteo Renzi dall’asse Letta-Alfano

Pubblicato il 5 ottobre 2013 da Canio Smaldone
Categorie : Corsivi Politica

GOVERNO: RENZI ALLA FINESTRA, MA NO ELEZIONI SE FALLISCE BERSANIEra tutto ben apparecchiato. Con il pranzo servito su un piatto d’argento. Il tutto senza tante attese e senza tante sofferenze. Nei giorni più pazzi e rivoluzionari della politica italiana degli ultimi 20 anni, Matteo Renzi la bocca se l’era fatta. Eccome. Il congresso Pd appena fissato all’8 dicembre. Primarie aperte così come le aveva chieste. Ci mancavano solo la crisi di governo e le elezioni anticipate in primavera, per completare l’opera. Ed è mancato poco che tutto si avverasse, così da spingerlo a Palazzo Chigi senta tanti patemi. Roba che manco nei migliori sogni.

Ma poiché in politica mai dire mai ecco accadere l’imprevedibile. Alfano mostra il quid e si prende, di fatto, il Pdl con Berlusconi che non ha più i numeri per rovesciare il tavolo e spingere il paese alle elezioni anticipate. Né oggi e né domani. Perché c’è di più. Dopo aver intravisto la meta, il governo Letta riprende fiato e si rafforza come non lo era mai stato. E non ci sarà decadenza che tenga. Spazzate via le vicende giudiziarie del Cavaliere, le vere mine sulla strada del governo, davvero Letta può arrivare tranquillo al 2015 superando il semestre di presidenza Ue e tirare le somme solo alla fine dei 18 mesi, tempo minimo indicato alla nascita dell’esecutivo.

E così quella che per Renzi sembrava la tempesta perfetta si è rivelata, con la fine della monocrazia di Berlusconi, solo un’operazione che rafforza l’asse “democristiano” Letta-Alfano. Perché a differenza del Cavaliere, che deve fare i conti con suoi processi e sperava di avere garanzie dalle larghe intese, il segretario del Pdl non ha nessun interesse a creare fibrillazioni al governo. Anzi, adesso ha tutto l’interesse di portare a casa risultati e consolidare la sua leadership. Anche con riforme sistemiche (vedi riforma della Costituzione e legge elettorale) in grado di chiudere la seconda repubblica e la “guerra dei 20 anni” che l’ha caratterizzata.

In uno scenario del genere a Renzi non resta pertanto che prendersi il partito a fine anno e attendere. Il rischio per Letta è che i problemi non vengano più da destra ma da sinistra. Perché i successi del governo, se ci saranno, prima che del Pd saranno del Presidente del Consiglio. Che potrà rivendicarli, eccome. Provocando inevitabilmente dualismi e frizioni col sindaco. Perché la lealtà al governo, di cui Renzi si fa portatore oggi, non prevede troppe lungaggini. La rincorsa è iniziata da tempo.

Di Canio Smaldone

Una risposta a L’analisi. Come è rimasto “rottamato” Matteo Renzi dall’asse Letta-Alfano

  1. Cioè si vuol fare intendere che Alfano avrà vita lunga nel PDL de-berlusconizzato?E la cassa chi la mette?Possibile pensare che Berlusconi dia incarico al rag.Spinelli di cambiare sede per diventare ‘ufficiale’pagatore del PDL,affinchè ‘loro’ facciano i loro comodi?L’importo dell’ultimo assegno sta per finire e …senza “rassicurazioni”il blocchetto è vuoto.E senza soldi…non si canta messa.E non può finire come la ‘saga’ AN,quì c’è,vivo e vegeto,un solo padrone del PDL…e sembra che avrà la mano “arteriosa”:e per un po’ niente firme.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>