0

Editoriale. #Atreju. Meloni apre l’Officina Italia per rimettere in movimento il centrodestra

Pubblicato il 15 settembre 2013 da Michele De Feudis
Categorie : Corsivi Politica

atreju meloniLa festa di Atreju ha colpito nel segno e ha smosso le acque stagnanti della politica settembrina? Per varietà di temi, iniziative e ospiti, Fratelli d’Italia ha di sicuro rilanciato il proprio ruolo nel centrodestra. Il protagonismo si è sostanziato in una apertura a interlocutori differenti rispetto a quelli della destra tradizionale (Tosi, Fitto, Giannino, Guidi, Travaglio) mentre forte è stata la ricerca di un dialogo con il mondo produttivo (confermato dalla presenza di Squinzi di Confindustria). Rispetto ai richiami delle sirene del passato (la rifondazione di An) o del populismo, Giorgia Meloni ha provato a tenere insieme il malessere di una destra pesantemente ridimensionata nelle ultime elezioni con la necessità di presentarsi come una forza affidabile e concreta, in prospettiva governista.

Accanto ai richiami identitari (l’incontro sul Fronte della Gioventù o sul caso Marò) Atreju ha unito un altro registro di priorità, dal lavoro alla famiglia fino alle politiche industriali, cercando di rendere più appetibile l’offerta di proposte economiche che è stata in passato (e resta) il tallone d’Achille della destra, spesso incapace di codificare le necessarie distinzioni rispetto all’area liberal-liberista.

Il senso di “Officina Italia”? Nella fase due del “Centrodestra nazionale” c’è un orizzonte di allargamento che potrebbe rimettere in moto l’intera fronte costituito da Fdi, Lega e Pdl (Forza Italia): pur rimarcando le dissonanze dal partito berlusconiano, il tentativo della Meloni è rivolto a riavvicinare alla politica i tanti delusi dalla destra di governo, restituendo motivazioni al popolo che ha scelto o l’astensione o addirittura per disperazione il voto per la lista di Beppe Grillo. Dal numero e dalle adesioni ad “Officina Italia”, che celebrerà una kermesse costitutiva ad ottobre, si misurerà in maniera tangibile la capacità attrattiva di questo progetto. Lo scoglio del 4% alle Europee è ostacolo non trascurabile.

In conclusione, grazie ad Atreju, l’agenda politica degli ultimi giorni ha trovato altri temi oltre le vicende della giunta per l’elezione del Senato e oltre il duello falchi/colombe nel Pd e nel Pdl: il valore di questo appuntamento di settembre – stante l’incertezza sul futuro del governo Letta – potrebbe essere infatti amplificato se innescasse nelle prossime settimane un positivo cortocircuito di idee per rimettere in moto l’intera coalizione di centrodestra, animando un confronto su programmi, uomini e prospettive (le primarie richieste anche da Tosi). Al tempo del grigio governo della “strana maggioranza”, tutto questo non è poco.

@waldganger2000

info@barbadillo.it

Di Michele De Feudis

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>