6

L’intervista. Meloni: “Atreju tra lotta allo strapotere della finanza e sintonia con Tosi “

Pubblicato il 11 settembre 2013 da Michele De Feudis
Categorie : Corsivi Le interviste Politica

meloni tosi

Oggi inizia Atreju la festa giovanile più longeva della destra italiana. Abbiamo chiesto a Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia e anima dell’appuntamento romano, di soffermarsi con noi sul significato politico dell’evento e sui temi di maggiore attualità di questo settembre politico: dallo strapotere della finanza alla querelle-giustizia fino alla spinosa questione Siria.

Onorevole Meloni, partiamo da “La grande finanza contro i popoli”. Perché questo titolo per Atreju?

Abbiamo scelto questo titolo perché vogliamo provare a dare una lettura diversa e nuova al rapporto tra economia mondiale e sovranità nazionale. Atreju vuole raccontare e descrivere il terzo conflitto globale che secondo noi si sta combattendo sul terreno della finanza. Una guerra subdola che vede in campo non più divise militari ma divise monetarie. Non più eserciti ma centri finanziari e agenzie di rating si stanno contendendo il mondo. Quello a cui stiamo assistendo è uno scontro aperto tra la sovranità, i popoli e le Nazioni e le grandi centrali dei poteri forti e della speculazione internazionale. E a pagarne le spese rischiano di essere i popoli e il concetto stesso di sovranità e democrazia. È uno scenario che ci chiama ad una brusca rivisitazione delle priorità e ad una netta inversione di marcia culturale, sociale e politica. Atreju è uno spazio libero, pieno di spunti anticonformisti, riferimenti imprevisti e occasioni di incontro tra punti di vista diametralmente opposti tra loro. Atreju è l’unico appuntamento popolare e tradizionale nell’alveo del centrodestra italiano che è rimasto in piedi nonostante tutto e che ha attraversato indenne sigle, partiti, stagioni e difficoltà.

Dal versus al processo: cosa cambia nella formula della manifestazione?

I processi sono la novità più interessante e significativa di questa edizione di Atreju. Sono dibattiti caratterizzati da una formula rigorosa e avvincente allo stesso tempo: un rappresentante dell’accusa ed uno della difesa, testimonianze a sostegno delle tesi a confronto ed il pubblico nella parte della giuria destinata ad esprimersi a favore dell’uno o dell’altro. Saranno scontri ad alta tensione sui temi decisivi per l’agenda politica italiana: Europa, giustizia, famiglia e finanza.

Tremonti e la sintonia Tosi: si rinsalda il dialogo costruttivo tra forze all’opposizione del governo Letta? 

Giulio Tremonti è un amico che stimo, che ha già partecipato ad Atreju e che è molto apprezzato dai nostri ragazzi. Una persona con cui c’è un confronto e un dialogo aperto. Con Flavio Tosi credo di avere una compatibilità ideale prima che generazionale e insieme a lui, ma non solo, vorrei provare a disegnare l’Italia e il centrodestra che vorremmo. A partire proprio dalla sfida delle primarie a tutti i livelli, della partecipazione popolare, del confronto e della sintesi tra tesi diverse, che sono la benzina della buona politica.

La giustizia da processare: un segnale all’Italia oltre la vertenza magistrati-Berlusconi?

Ad Atreju vedremo confrontarsi per la prima volta in pubblico Filippo Facci contro Marco Travaglio. Sarà un appuntamento importante per parlare di un tema che sta paralizzando l’Italia e che neanche il governo Letta sembra in grado di affrontare: la riforma della giustizia. Noi crediamo che sia necessario un patto di responsabilità collettiva tra politica e magistratura: la magistratura accetti il principio della responsabilità civile, la separazione delle carriere, il giusto processo e la buona parte della politica si comporti di conseguenza, dandosi regole certe e severissime. Solo così possiamo immaginare di dare all’Italia una giustizia giusta, seria, trasparente, veloce e garantista. Una giustizia vicina, che sappia stare al suo posto e dare risposte ai problemi concreti degli italiani.

Evitare gli errori dell’Iraq e delle primavere arabe in Siria: il ruolo dell’Italia?

Siamo rimasti stupiti dalla decisione del governo Letta di bocciare la mozione di Fratelli d’Italia che impegnava a perseguire ogni strada possibile per evitare il conflitto in Siria al quale in ogni caso l’Italia non deve partecipare in alcun modo e a sostenere la proposta russa, che rappresenta l’unica in campo capace di impedire l’utilizzo delle armi chimiche da parte del regime siriano e di scongiurare lo scoppio di una guerra. Governo e maggioranza hanno preferito, invece, mantenere la solita ambiguità sul piano internazionale lasciando aperto lo spiraglio per un intervento armato. L’esecutivo Letta ha tenuto finora una posizione talmente incomprensibile e contraddittoria tra i suoi membri tale da far inserire l’Italia in occasione del G20 sia nella lista delle Nazioni contrarie che in quelle favorevoli all’intervento armato. Una figura peggiore di quella rimediata dalla Ue, che ha dimostrato la tua totale incapacità di determinare una posizione autonoma e di avere una qualsiasi utilità a livello internazionale.

L’Europa in politica estera “zoppica”?

L’Ue si è ritrovata scavalcata persino dalla Russia nell’esercizio di una prerogativa, ovvero la capacità di trovare mediazioni utili a scongiurare conflitti apparentemente inevitabili, che Bruxelles rivendica sistematicamente come propria senza però averne mai dato alcuna prova concreta. E oggi ci ritroviamo in una situazione nella quale non esiste nessuna proposta europea sul tavolo e l’unica possibile soluzione in campo è quella russa. L’Italia ha già pagato il sostegno ai suoi alleati quando è stato necessario e giusto farlo, come nei conflitti in Iraq e in Afghanistan, esattamente come già contribuiamo attivamente a numerose missioni Onu, come in Libano e in Kosovo. Ma quella in Siria è una guerra che non ha alcun senso, che non ha alcuna giustificazione sotto il profilo dell’interesse nazionale e che stentiamo a credere sia mossa da ragioni umanitarie.

Atreju è politica ma anche divertimento e goliardia. Cosa bolle in pentola è domanda bandita, ma quale è stato lo scherzo all’ospite più divertente nel passato?

Lo scherzo che è passato alla storia è la ‘kazirata’ a Gianfranco Fini, quando i ragazzi di Atreju chiesero all’allora ministro degli Esteri di sostenere la causa dell’inesistente e oppresso popolo kaziro. Molto divertenti anche gli scherzi a Silvio Berlusconi, a cui fu chiesto di condannare l’operato di un immaginario dittatore comunista, oppure a Ignazio La Russa al quale venne domandato di spiegare la presenza, ovviamente inventata, di militari italiani a Paros. Tutti gli ospiti hanno colto lo spirito goliardico della manifestazione e hanno riso insieme a noi. Un po’ meno l’ex sindaco Veltroni, che ci rimase un po’ male sulla borgata Pinarelli. È anche questo il bello di Atreju e l’edizione di quest’anno, vi assicuro, riserverà molte sorprese.

@waldganger2000

Di Michele De Feudis

6 risposte a L’intervista. Meloni: “Atreju tra lotta allo strapotere della finanza e sintonia con Tosi “

  1. Cara Ragazza…così non va.Vuoi riappiopparci Alemanno?Ci teniamo il diritto all’astensionismo….solo un consiglio non richiesto su cui riflettere:il granaio della dx è stato dal ’46 il Sud,e senza il Sud si può,limitatamente, entrare in Parlamento(se il successore di Berlusconi vorrà)ma non si può…andare lontano.E con Tremonti e Tosi non dai nessun aiuto ai “Mezzogiorni”a tornare ad esserlo il ‘granaio’.

  2. Come si fa la lotta alla finanza se si deve essere “più liberali in economia”, come la Meloni aveva scritto in un articolo precedente? Per carità la Meloni mi fa simpatia, ma mi sembra ci sia molta confusione…

  3. I soliti giusti concetti smentiti da costanti comportamenti sbagliati, la tecnica che fu di AN. Basti solo leggere il passo sulle presunte guerre giuste di Iraq ed Afghanistan.

  4. Solite banalita’. Europa, lavoro. . . Progetti concreti? Niente! Idee? Nessuna. Banalita’? Troppe. Dai retta a me. Rinchiuditi con larussa, aledanno, e tutta la combriccola di traditori in un convento per espiare i danni innumerevoli che avete fatto. Perche’ se non lo fai. Per te e quelli come te, c’e’ solo un posto che l’ attende. La caina. Non capirai vero? Leggi Dante, inferno, dal canto XXX in poi. Ecco dove andrete.

  5. da un’ex-ministro del governo Berlusconi ci si aspetterebbe maggiore cautela. ad atreju c’è passato di tutto, anche giuliano amato! avete affossato una comunità ideale e politica, ora toglietevi dalle palle. tutti.

  6. E’ passato alla storia quando avevano di fronte fini e gli hanno chiesto del popolo kaziro. Pensa un po’. Che mattacchioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>