0

L’intervista. Bertinotti: “La Sinistra ha rinunciato a costruire l’alternativa al capitalismo”

Pubblicato il 6 settembre 2012 da Marco Petrelli
Categorie : Politica

Per Fausto Bertinotti, intervenuto a Bisceglie (Bat) per presentare il volume  Le occasioni mancate (ETS, 2012) nel festival  Libri nel Borgo Antico (promosso dall’eurodeputato Sergio Silvestris), la sinistra italiana, rinunciando a a combattere le storture del capitalismo e a costruire una alternativa, sta gradualmente perdendo bussola e identità. Al termine dell’incontro ha rilasciato questa breve intervista a Barbadillo.

 Quattro anni fa, rinunciando a ogni incarico di partito, disse che avrebbe fatto il militante. Il militante bertinotti come vede oggi la politica italiana?

 

Agonizzante e incapace di rispondere concretamente alle necessità di cittadini già stretti nella morsa di una crisi espressione di un capitalismo ancora vivo e vittorioso.

 

Eppure dopo il ’29 il mondo assistette a profondi cambiamenti…

 

Dopo la crisi del ’29 ci fu il New Deal e se la domanda che sta per farmi è se ci sia posto oggi per un nuovo New Deal le rispondo che illustri economisti del calibro di Paul Krugman e  Joseph Stiglitz considerano ancora attuale il piano economico di Roosvelt. Tesi sostenute da keynesiani, non da rivoluzionari comunisti!

 

Torniamo in Italia. Quanto alla sinistra mancano leader dello spessore di Togliatti e Berlinguer?

 

Togliatti  e Berlinguer avevano una grande capacità comunicativa e di mobilitazione, oltre naturalmente ad una elevata preparazione culturale e politica. Operarono in altri tempi, quando la costruzione di un’alternativa al capitalismo era un fine nel quale credere e per il quale lottare. La progressiva perdita di questo fine ha avuto come conseguenza anche una inesorabile perdita dell’identità.

 

Di Marco Petrelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *