1

Venezia. Squitieri: “Sacro Gra scuote il formalismo fatiscente del cinema mondiale”

Pubblicato il 8 settembre 2013 da Pasquale Squitieri
Categorie : Cinema

Pasquale-Squitieri-con-la-moglie-Claudia-CardinaleIl film-documento di Gianfranco Rosi che vince il leone di Venezia è un segnale rivoluzionario e scuote il formalismo ormai fatiscente della cinematografia mondiale. E’ un ritorno a Vertov, al suo capolavoro, L’uomo con la macchina da presa, che fu definito la “summa matematica dell’arte registica”.

Il film-documento che ispirò il Visconti de La terra trema (presentato alla Mostra del 1948) e tutto il neoralismo italiano.

Il film che ispirò Notte e nebbia di Alain Resnais. Un cinema, dunque, che non è “altro”, come alcuni sprovveduti critici si affrettano a definirlo.

Di Pasquale Squitieri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>