1

Politica. Il ticket Tosi-Meloni prove tecniche di “Lega Nazionale” (tra Junger e de Benoist?)

Pubblicato il 19 agosto 2013 da Giacomo Petrella
Categorie : Politica

tosi meloniA parlare per primo è stato Flavio Tosi, che si è detto pronto a correre per la leadership del centro-destra. Lo ha fatto come un fulmine a ciel sereno, ad agosto, nel bel mezzo di una crisi politico-istituzionale senza precedenti; come se il nome di Berlusconi Silvio, anziché riempire quanto mai ogni discussione pubblica, fosse già stato archiviato dalla nascente Terza Repubblica. Velleità o lungimiranza? Di certo il ticket proposto dallo stesso Tosi con Giorgia Meloni, lascia intravedere qualcosa di più che una semplice boutade estiva. Ed è stata la stessa leader di Fratelli d’Italia a darne conferma, invitando ad Atreju il sindaco di Verona. Come si dice, se son rose…

Ma al di là degli attuali assetti e delle future proposte, un possibile dialogo fra gli orfani identitari dell’epoca berlusconiana non può non suscitare un minimo di interesse, se non altro ricordando le fugaci intese fra giovani padani e post frontisti della gioventù sui temi, rimasti caldi, del mondialismo, declinati secondo le comuni letture di Junger e de Benoist.

Insomma, al di là del riassetto elettorale dell’ultimo ventennio, il gioco delle parti nel centro-destra, e il ruolo del dominus di Arcore, una certa idea di leghismo nazionale che combinasse identità e nazione, libertarismo e comunitarismo, non si è mai sopita, pur non trovando alcun effettivo riscontro politico.

I tempi stanno maturando? Forse, ma se due leader importanti come Tosi e Meloni aprono ad un dialogo sui contenuti, considerando i giorni in cui viviamo, il fatto merita grande attenzione: in questa cornice post-leghista e post-finiana,  la nascita di una destra competitiva in grado di miscelare buona amministrazione, libertà fiscale, sovranità politica e un antieuropeismo maturo, potrebbe rivelarsi l’unico fatto nuovo del prossimo panorama elettorale. Di certo l’unico fatto politico in grado di offrire una proposta differente a quella che oggi, nel dibattito Berlusconi sì – Berlusconi no, è la generazione senza voce dei trentenni che stanno peggio dei padri. Una generazione che ha sempre meno voce soprattutto al centro-nord.

Di Giacomo Petrella

Una risposta a Politica. Il ticket Tosi-Meloni prove tecniche di “Lega Nazionale” (tra Junger e de Benoist?)

  1. Tosi-Meloni ? Finalmente una proposta concreta, per la quale anche i “contenuti” assumono un senso politico nuovo , liberati da ogni elaborazione “evanescente”. Bisogna lavorarci, ma è un buon punto di partenza…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>