0

La polemica. Il web contro “The mission” : “No alla spettacolarizzazione dei drammi”

Pubblicato il 16 agosto 2013 da Martina Bernardini
Categorie : Cronache Televisionando

missionThe Mission – il reality che dovrebbe portare sul piccolo schermo lo scenario dei profughi – è ormai un caso nazionale, che coinvolge tutti. Anche gli utenti di internet si sono opposti alla messa in onda del nuovo format Rai: su Twitter l’hashtag #nomission è ormai un tormentone. Non solo. È stata lanciata anche una petizione online su change.org per chiedere alla Rai, all’Onu e all’ONG Intersos, realizzatrici del reality umanitario, di interrompere “questa operazione lesiva della dignità umana”. Le polemiche non accennano a fermarsi, e in programma c’è anche un’interrogazione in vigilanza Rai, per il tramite di Gennaro Migliore (Sel),  Nicola Frantoianni (membro della Commissione Cultura della Camera) e Roberto Fico (M5S).

Spettacolarizzare il problema – spiega chi si oppone al programma – svalutandolo e banalizzandolo, non solo è irrispettoso nei confronti di chi ogni giorno vive questo dramma, ma è inutile perché un reality non serve ad informare i cittadini. Ma Tullio Camiglieri, co-autore del programma, ha affermato, contrariamente alle polemiche, che l’intento del reality è proprio quello di spettacolarizzare la vicenda, in modo che l’opinione pubblica ne sia finalmente colpita, e che inizi quindi ad interessarsi al dramma dei profughi e dei rifugiati. Camiglieri, inoltre, ha confessato che l’idea di un programma del genere nasce anche dall’idea dell’allora portavoce di UNHCR, Laura Boldrini, e dalla collaborazione con Giancarlo Leone, direttore di Rai 1.

La terza carica dello Stato, però, si è difesa, sostenendo che nelle sue intenzioni non c’era quella di dar vita ad un reality ma ad un programma di informazione e documentazione. “Non spetta certo a me – ha commentato – esprimere un eventuale altolà, che avrebbe l’aspetto di una interferenza nell’autonomia editoriale della Rai”. La prima puntata, però, è stata registrata la scorsa estate. E allora, Laura Boldrini era ancora nel pieno delle sue funzioni umanitarie. “Sarà uno degli esperimenti più avanzati del servizio pubblico, ed è un format tutto italiano che già quattro reti straniere di servizio pubblico ci hanno richiesto”, ha continuato da parte sua Camiglieri. Sulla scelta dei personaggi, poi, è sicuro che uno come Al Bano possa sicuramente garantire più audience di un Bernard-Henri Lévy.  Se serve a rassicurare qualcuno, i protagonisti “vip” del programma non saranno pagati. Ma riceveranno comunque un rimborso spese. Così, giusto per il disturbo.

Di Martina Bernardini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *